Guten Morgen | Alfio Antico
enter
close

Guten Morgen

01 Cuccurucù
02 Guten Morgen
03 Di cu sugnu
04 Tutti li cosi vanno a lu pinninu
05 Minutedda mia
06 Si ti virissi
07 Zimmuru smossu
08 Afrodite
09 Culnta li jurni
10 Stridduzza veniri
11 U nasu

Cuccurucu’

Cuccurucù chicchirichì
Mancu ppi l’amuri di li santi
Cuccurucù chicchirichì

Nun vi li lassu ju ppi nentiAmici sì criditi a li sonni
Jù vi li cuntu senza tanti affanni
Nasciu jarzuneddu a parti ‘i funni
Unni lu suli fa ‘na vampa ranniCuccurucù chicchirichì
Mancu ppi l’amuri di li santi
Cuccurucù chicchirichì

Nun vi li lassu ju ppi nenti

‘Ccattaiu tricentu armali di bon pisu
Genti visti arrivari a lu me ‘rizzonti
Dumannaiu chi vuliti strana genti
Ca mi viniti a ‘ncuitari

Cuccurucù chicchirichì
Mancu ppi l’amuri di li santi
Cuccurucù chicchirichì

Nun vi li lassu ju ppi nenti

Pirchì mi viniti a ‘ncuitari
Ccu cosi falsi e stravacanti
Li me armali nun vi lassu
Non vi li lassu, no ppi nenti

Cuccurucù chicchirichì
CuccurucùAh unni su ddi cristijani veri
Ca n’ anzignavanu comu s’havo fari
Oggi mancu scecchi ci su’ cchiù
chicchirichì cuccurucù

Cuccurucù chicchirichì
Nemmeno se lo chiedesse il cielo
Cuccurucù chicchirichì

Le mie bestie non ve le lascio per nessuna ragione al mondoAmici, non so se crediate o meno ai sogni,
ma lasciate comunque che ve ne racconti uno.
Ho sognato il giorno della mia nascita.
Il sole irradiava una luminosità strabiliante sulla vallata
dove sono cresciuto e diventato pastore.
Cuccurucù chicchirichì
Nemmeno se lo chiedesse il cielo
Cuccurucù chicchirichì

Le mie bestie non ve le lascio per nessuna ragione al mondo

Un giorno, mentre ero intento ad acquistare trecento pecore di valore,
vidi avvicinarsi a me gente infima e malfida, dall’aspetto stravagante.
Chiesi loro: “Cosa cercate da me?
Perché volete che lasci tutto per seguirvi?”

Cuccurucù chicchirichì
Nemmeno se lo chiedesse il cielo
Cuccurucù chicchirichì

Le mie bestie non ve le lascio per nessuna ragione al mondo

Perché mi venite ad inquietare
con proposte false ed allettanti?
Le mie bestie io non le lascio,
non ve le lascio per nessun motivo al mondoCuccurucù chicchirichì
CuccurucùChe fine hanno fatto quelle persone autentiche,
che ci insegnavano ad agire con dignità?
Ma in fondo oggi neanche di asini ce ne sono più …
chicchirichì cuccurucù

02 Guten Morgen

Haju pisci parrucchiani
pi cu ha persu lu pitittu
n’haju picciuli e minzani
mi ci ‘nfilu rittu rittu
ca vi portu u’ muccu frittu
quattru pichiri e nu rungu
avvicinati bona genti
ca di ‘n peri sugnu ciuncupi livarimi di ‘mpacciu
la me roba dugnu a muzzu
ppi vuautri beddi facci
Haju purtatu stu mirruzzu
vu faciti ad acqua e sali
ca vi ‘nforza lu cudduzzu
quantu è bellu a lu mangiari
sanu oppuri a pezzu a pezzuGUTEN MORGEN FRÄULEIN
ICH BIN TURI AUS SIZILIA
HAJU TRIGGHI ‘NZICHITANZA
IN DER STRASSE GRAVE PANZAVuautribeddi stamatina
vi vuliti avvinturari
ijti abbasciu a la marina
senza spenniri n’ senari
Haju scrofani pisanti
lu cchiù menu è ‘n quattruni
zoccu v’haju addumannari
vi lu dicu d’ammucciunipi li donni c’hanu fumu
haju menzu pisci spata
quattru tenchi e na cipudda
pi li beddi haju sarvatu
Haju ‘n dentici curnutu
mi ni vegnu tummi tummi
senza sentiri duluri
ma’ rristanu quattru stummiRANCHI ‘I PUPPU MIT ZITRONEN
DREI ANCIOVI E FÜNF MAZZONEN
CA DER KATZE IN DER COSCEN
CA S’ALLICCA TUTTI I BAFFEN

Ci su pisci di valuta
chista roba nun è cara
vi la dugnu a giustu prezzu
cu ni voli s’addichiara
pi la figghia e pi la nora
pisci su di maravigghia
vi lu inghiu lu panaru
e vi ‘ngrassa la larigghiapi cu campa dispiratu
sempri leggia havi la panza
pi cu ‘un havi lu cuntanti
sempri campa di spiranza
pi li schetti sventurati
ju non sugnu tantu avaru
senza ninni c’è filatu
ppi l’affrittu marinaruGUTEN MORGEN FRÄULEIN
ICH BIN TURI AUS SIZILIA
FINDEN FISCH ANCORA SGHIDDA
MAGST DU NICHT ANNUNCA TORNA
KOMM ZURÜCH ‘MPARI DEUTSCHLAND
ARRIORDITI ‘STA FACCI
STUMMU ‘RANNI E LA CICALA
‘U ZZU TURI T’ ARRIALA

Sizilia, eine Insel zwischen Feuer und Meer

Ho pesci locali,
di piccola e media grandezza
Talmente buoni da far venire desiderio
anche a chi ha perso l’appetito.
Ho dei bianchetti freschissimi
da fare fritti e del pesce da brodo.
Venite gente, venite,
poiché sono zoppo e non posso avvicinarmi io
Comprate la mia roba, è quasi regalata.
non posso mica riportarmela a casa!
Bella gente, ho scelto questo merluzzo
apposta per voi.
Se volete ritrovare vigore,
cucinatelo con acqua e sale.
È molto buono da mangiare
sia intero che a tranciGUTEN MORGEN FRÄULEIN
ICH BIN TURI AUS SIZILIA
HAJU TRIGGHI ‘NZICHITANZA
IN DER STRASSE GRAVE PANZAStamattina, bella gente,
se avete voglia di cambiare,
venite qui alla marina,
che vi faccio risparmiare.Ho scorfani di grandi dimensioni,
il più leggero pesa 2 etti.
Per il prezzo, ne parliamo
a tu per tu in dispartePer le donne di classe,
ho mezzo pesce spada;
invece per le donne comuni ho conservato
quattro tinche e una cipolla.
Ho anche un bel dentice “cornuto”,
vi garantisco che è tutto di ottima qualità.
E giacché sono rimasti quattro sgombri,
affrettatevi a comprarli!

RANCHI ‘I PUPPU MIT ZITRONEN
DREI ANCIOVI E FÜNF MAZZONEN
CA DER KATZE IN DER COSCEN
CA S’ALLICCA TUTTI I BAFFEN

Questi sono pesci di valore
e non costano tanto.
Vendo tutto al giusto prezzo,
chi ne vuole si faccia avanti.
Venite figlie e nuore, questi sono pesci pregiatissimi,
riempite il vostro cesto della spesa
e vi garantisco che insaporirete
persino la vostra graticola
Mi dispiace molto per chi è disperato e affamato,
per chi è solo e non ha denaro.
Io non sono avaro, ma non posso regalarvi niente
ché se torno a mani vuote , vado incontro a brutte rogne

GUTEN MORGEN FRÄULEIN
ICH BIN TURI AUS SIZILIA
FINDEN FISCH ANCORA SGHIDDA
MAGST DU NICHT ANNUNCA TORNA
KOMM ZURÜCH ‘MPARI DEUTSCHLAND
TU RICORDATI LA MIA FACCIA.
SE VUOI UNO SGOMBRO GROSSO O UNA CICALA,
LO ZIO TURI TE LI REGALA

Sicilia, un’isola tra fuoco e mare

03 Di cu sugnu

Ju sugnu di l’acqua quannu chiovi
Di l’erba strazzijata sutta li peri
Sugnu di l’armunia chi lu cori teni
E di lu disideriu chi si cantaJu sugnu di na cosa nica, antica
Di l’armaluzzi c’ abbuccunu li testi
Sugnu di lu celu quann’ è in festa
E di la gioia di nenti dopu a faticaDi cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzuSugnu di lu scantu di la notti
Chi tratteni lu ciatu fino o’ matinu
sugnu di li nuvuli mai i stissi
e lu suli e l’aria ni sù filiciCanta ‘n piscaturi ricugghiennu pisci
semu di lu focu c’ addumamu senza ligna
semu tanti petri chini di storii
figghi di sireni e di ciclopiDi cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzuFussi acqua di surgenti
caminassi cuti cuti
stannu sempri a campu apertu
tra lu celu e tra lu mari
gudennumi li stiddi lassati di lu suli
lu ventu mutu mutu
stuzzicassi l’armuniaDi cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzu
Io appartengo all’acqua, quando piove,
all’erba straziata dai passi della gente,
all’armonia che anima il cuore
e al desiderio che risuona nel cantoIo appartengo a qualcosa di antico e prezioso,
alle docili bestie che chinano la testa in cerca di carezze,
al cielo che si colora di festa,
alla gioia che il riposo dona dopo la faticaDi chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
in questo mondo pazzo?Io appartengo alla paura della notte,
a chi trattiene il fiato fino all’alba,
al continuo trasformarsi delle nuvole in movimento,
allo sguardo soddisfatto che il sole e l’aria rivolgono al creatoCanta un pescatore ammonticchiando il pesce appena pescato:
“Noi apparteniamo al fuoco che accendiamo senza legna,
siamo tante pietre ricche di storie,
pronipoti di sirene e di ciclopi”Di chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
in questo mondo pazzo?Se io fossi acqua di sorgente
Mi infiltrerei tra i ciottoli,
Percorrerei in lungo e in largo la campagna,
arrivando fino a dove il cielo e il mare si fondono
e il sole lascia posto alle stelle,
mentre il vento, zitto zitto, soffiando fra le fronde, dà origine a inedite armonieDi chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
In questo mondo pazzo?

04 Tutti li cosi vanno a lu pinninu

Maggica terra mia quantu si cangiata
dimmi comu fai a truvari lu tò versu
finennula di sciarriarivi e udijarvi tra di vui
tutti anzemula fussi a forza e la scummissaTerra nun pirdiri l’amuri e l’allegria
ca jù addattu comu n’agneddu a fora pasciri
vulissi u mari ‘nchiostru e lu celu tuttu carta
pi scriviri quantu odiju e quantu amu sta gran terraVai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu
A corda ruppa ruppa
ci và ‘na pena cu nun ci curpa
e tutti li cosi vannu a lu pinninuQuannu cu tia staju tu nenti a mia mi dici
Mutu silinzijusu mi fai stari a passijàri
Cu passi lenti, calmi, saggi, ritardati
Raggiunannu sull’epuca e sull’anticuVai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu
a corda ruppa ruppa
ci và ‘na pena cu nun ci curpa
e tutti li cosi vannu a lu pinninuPueta canta e duna vuci a sta terra
purtanniti lu pisu, tinennu lu sò duluri
pueta nun t’arrenniri quannu sì debuli
ca dintra a fatica leggi ‘u tempu dintra l’occhi
dannu luci a la storia di li nostri patri
ccu’ paroli antichi, amari, forti e duciVai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu
a corda ruppa ruppa
ci và ‘na pena cu nun ci curpa
e tutti li cosi vannu a lu pinninuVai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninuVai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu
Magica Terra mia, quanto sei cambiata …
Dimmi, come farai a ritrovare la tua via?
Se già smettessimo di litigare e di odiarci tra di noi,
diventeremmo un’unica grande forza
in grado di affrontare qualunque sfida dignitosamenteTerra mia, non perdere l’amore e la gioia
Con cui mi hai sempre nutrito e allattato
quasi fossi un agnellino fuori dal pascolo.
Vorrei che il mare diventasse inchiostro ed il cielo un enorme foglio di carta
Per potervi scrivere l’amore infinito e l’odio profondo che provo per Te”Vai poeta, vai libero come il vento
Ognuno alla fine andrà incontro al proprio destino
È vero, a questo mondo spesso paga chi non ha colpa,
ma prima o poi tutti i nodi vengono al pettine
e chi ha seminato vento, raccoglierà tempesta”.Quando si sta insieme, capita di non riuscire a comunicare
E allora passeggio in silenzio, con incedere lento, garbato, misurato, di tanto in tanto rallentato,
riflettendo su ciò che siamo stati e su cosa siamo diventati”Vai Poeta, vai libero come il vento
Ognuno alla fine andrà incontro al proprio destino
È vero, a questo mondo spesso paga chi non ha colpa,
ma prima o poi tutti i nodi vengono al pettine.
E chi ha seminato vento, raccoglierà tempesta”Poeta canta e dai voce a questa terra,
portandone il peso e sostenendone i dolori.
Poeta non arrenderti quando il tuo passo cede
poiché la fatica riserva grandi gioie a chi sa dare tempo al tempo.Poeta raccontaci ancora una volta la storia dei nostri padri, con parole amare, dolci e intense, intrise di sapienza e saggezza”Vai Poeta, vai libero come il vento
Ognuno alla fine andrà incontro al proprio destino
È vero, a questo mondo spesso paga chi non ha colpa,
ma prima o poi tutti i nodi vengono al pettine.
e chi ha seminato vento, raccoglierà tempesta”.

05 Minutedda mia

Minutedda mia suffrenti silenziusa senza paci
li to labbra nibbiusi ncaddurati cunfusi
hanu sempri masticatu grigi chianti.
Quali gioia ha avutu lu to cori
ncutugnata vastunata comu un cannitu ciaccatu siccagnu
pascisti e maturasti dintra na mangiatura
comu na cisca misa di latu
latti puru di vacca mungiutu e cagghiatu
m’adduvasti
Mia gracile madre, sofferente e silenziosa,
le tue labbra nebbiose, indurite dal dolore, talvolta tremanti hanno sempre conosciuto grigi pianti.
Quale gioia ha provato il tuo cuore?
Tu, trascurata e calpestata come una canna di bambù secca e spezzata.
Sei nata e cresciuta dentro una mangiatoia,
trattata alla stregua di un insignificante recipiente, sempre messo da parte.
Proprio tu, latte purissimo, fragrante di vacca, munto e cagliato …
Mi hai nutrito e allevato

06 Si ti virissi

Si ti virissi oggi
passari vecchia matri
caminari nna sti munti
sula tu e china comu na nebbiaCu lu mantu maggicu e granni
ca cummogghi li dulura
e li granni guai ca stannu nna sta terra
ca stannu nna sta terraSi ti virissi oggi
bedda chiu’ssai di na rigginaSi ti virissi oggi
morbida comu lana di pecuraSi ti virissi oggi
duci comu meli d’api
limpida comu acqua
comu acqua di roccasi ti virissi oggi
ppi prima cosa ti chiamassi matri
poi vivissi, vivissi a la tò funtana
e durmissi cu la testa ‘nta la lana
di lù tò cori
Vecchia madre se solo potessi rivederti oggi
mentre passeggi tra queste montagne, solitaria e intensa come la nebbia
Chiusa nel tuo manto grande e misterioso,
col quale avvolgi i dolori e le grandi sofferenze di questa terraSe solo potessi rivederti oggi,
so che mi appariresti più bella di una regina,
morbida come lana di pecoraTi immagino dolce come miele di api
e limpida come acqua, come acqua che sgorga dalla rocciaSe solo potessi rivederti oggi,
per prima cosa ti chiamerei “Madre”
poi berrei, mi disseterei alla fonte del tuo amore
e mi addormenterei adagiando la testa tra la lana del tuo cuore.

07 Zimmuru smossu

Allaschiti, allaschiti, allaschiti
Uh gnìaschiti, gnìaschiti, gnìaschiti Allaschiti, allaschiti, allaschiti
Uh gnìaschiti, gnìaschiti, gnìaschitiSatanu jarozza a tummiliSduvacu sacchi, vettuli e bummuli
Tummi tummi tummi
Oh coddu ca nun si rumpi
Tra ‘na roccia e ‘n cuticchiuni
Ammula e lisci lu vastuniTummi tummi tummi
Oh coddu ca nun si rumpi
Co’ runziju ro muscuni
‘No silenziju ro vadduniTummi tummi tummi
Oh coddu ca nun si rumpiSutta a macchia di carrubba
N’piricuddu sa ‘ncutugnaA zzà Pudda co zzù Puddu
Schioppi e nuci si cafudda.Allaschiti, allaschiti allaschiti
Uh gnìaschiti, gnìaschiti, gnìaschiti
Gniaschiti ‘no rinocchiu
‘O pigghialu ‘n paraccaE Pudda appara, Puddu ‘ncugna
Sa‘ncaddozzunu a piricudda
Cala cugna senza mazza
Riri e sciala u zzu PippinuRumaneddu frasca frasca
Chianta ruppa ‘nti la pipa
Gniaschiti ‘no rinocchiu
‘O pigghialu ‘n paraccaTripulina tripulinazza
Nun ti pigghia e nun t’abbrazza
Tummi tummi tummi
Oh coddu ca nun si rumpiSmarruggia e ammarruggia
A zza pudda tra marruggi
Tummi tummi tummi
Oh coddu ca nun si rumpiSa ‘ncimiddia lu faucigghiuni
quannu nesci do vadduni
Godi e annetta lu vastuni
‘No silenziju do vadduniAllaschiti, allaschiti allaschiti
Uh gnìaschiti, gnìaschiti, gnìaschiti
Gniaschiti ‘no rinocchiu
‘O pigghialu ‘n paraccaE Pudda appara Puddu ‘ncugna
S’ancaddozzunu a piricudda
Cala cugna senza mazza
Riri e sciala u zzu PippinuRumaneddu frasca frasca
Chianta ruppa ‘nti la pipa
Gniaschiti ‘no rinocchiu
‘O pigghialu ‘n paraccaGniaschiti ‘no rinocchiu
‘O pigghialu ‘n paracca
Funnacaru tappinaru
Cchi zumbagghi ciariddazzuTummi tummi tummi
Oh coddu ca nun si rumpi
Dannu jocu a lu battagghiu
Dintr’ aneddu ra campanaCchì zubbagghi zimmuru smossu
All’aria aperta di natura
‘Ncoppu cca e ‘ncoppu dda
AHU! Caliti ca ti viruAllaschiti, allaschiti, allaschiti
Uh gnìaschiti, gnìaschiti, gnìaschiti
Gniaschiti ‘no rinocchiu
O pigghialu ‘n paracca

Allaschiti, allaschiti, allaschiti
Uh gnìaschiti, gnìaschiti, gnìaschiti
E Pudda appara Puddu ‘ncugna
Sa‘ncaddozzunu a piricudda

Cala cugna senza mazza
Riri e sciala u zzu Pippinu
Rumaneddu frasca frasca
Chianta ruppa ‘nti la pipa

Gniaschiti ‘no rinocchiu
O pigghialu ‘n paracca
Gniaschiti ‘no rinocchiu
O pigghialu ‘n paracca

Stei!

08 Afrodite

Quando la notte chiudo gli occhi
ripenso al tempo trascorso con te,
abbracciati in silenzio, stretti come ali di colomba.
Attimi d’amore intensiRicordo ancora tutto di te
I tuoi occhi, il tuo respiro, il tuo passo, la tua forza, la tua fragilità.
Le tue mani nude e selvagge
Cariche di dolcezza e armoniaVorrei levare un grido
Più forte di un terremoto,
che squarci il mondo e tutto l’universo,
poi correre lontano, solitario come le stelle,
lontano fino a dove i nostri occhi si perderebbero, per sfuggire a questa vile e inaccettabile veritàGrazie a te ho capito che l’amore è dono.
Senza l’amore la vita perde di colore e poesia.
Solo quando pensi a un amore libero, chiaro e sereno puoi avere la forza di affrontare questa vita a cuore aperto.
Oh dea dell’amore che non conosci tempoVorrei levare un grido
Più forte di un terremoto,
che squarci il mondo e tutto l’universo,
poi correre lontano, solitario come le stelle,
lontano fino a dove i nostri occhi si perderebberoVorrei cancellare dalla memoria questi ultimi anni che ci hanno voluto distanti
e rivivere insieme a te quei giorni felici
Alla fine non c’è scuola che possa insegnarci l’amoreVorrei cancellare dalla memoria questi ultimi anni che ci hanno voluto distanti,
e rivivere insieme a te quei giorni felici
Alla fine non c’è scuola che possa insegnarci l’amoreQuesto amore appartiene al cielo
E non a questa terra.

09 Culnta li jurni

“Ho visto il cielo azzurro
partorire pioggia
e il cielo cupo
regalare luce
fuoco ardente
trasformarsi in ghiaccio
e gelida neve donare calore
ho visto cose dolci diventare amare
e altre amare restituir dolcezza
ho visto due nemici fare pace
e due amici dichiararsi guerra
ho visto la forza più grande dell’amore
sì, quella forza che mi guarì
colpendomi
e spense con il fuoco
il fuoco di cui bruciavo
la vita che mi diede
fu la mia morte
di quel fuoco ora io brucio
questo amore vorace
spietato insaziabile
mi trascina con sé, mi divora brutalmente
senza tregua
come si addice
ad un’ambita preda”CUNTA LI JURNATI
CUNTA LI SIRATI
CUNTATI TU STISSU
SCRIVILU STU TEMPU
SONA LU TAMBURU
TROVA LA TO VIA
CANTALA STA NOTTI
SENZA FARI SGRUSCIUA Punenti nasci u suli
A Sciroccu tramunta
L’acqua ci la da la luna
Casca lu massaru
Chianci la campagna
Si fa scuru a lu vadduni
Scappa u cielu cu li pisci
(ipi papa chi beddu u cielu!)CUNTA LI JURNATI
CUNTA LI SIRATI
CUNTATI TU STISSU
SCRIVILU STU TEMPU
SONA LU TAMBURU
TROVA LA TO VIA
CANTALA STA NOTTI
SENZA FARI SGRUSCIUSugnu patri, nun sugnu patri
Haiu figghi senza matri
Quannu fazzu di patri
Tutti cosi vogghiu sapiri
Semu ricchi senza sudda
(U signuri duna u pani a ccu nun ha i denti)
Iemu a pagghia senza sceccu
Avemu tuttu e nun avemu nenti
Abbiamo tutto e non abbiamo niente
“Ho visto il cielo azzurro
partorire pioggia
e il cielo cupo
regalare luce
fuoco ardente
trasformarsi in ghiaccio
e gelida neve donare calore
ho visto cose dolci diventare amare
e altre amare restituir dolcezza
ho visto due nemici fare pace
e due amici dichiararsi guerra
ho visto la forza più grande dell’amore
sì, quella forza che mi guarì
colpendomi
e spense con il fuoco
il fuoco di cui bruciavo
la vita che mi diede
fu la mia morte
di quel fuoco ora io brucio
questo amore vorace
spietato insaziabile
mi trascina con sé, mi divora brutalmente
senza tregua
come si addice
ad un’ambita preda”Conta le giornate
Conta le serate
Tieni conto di te stesso
Tieni conto di questo tempo
Suona il tuo tamburo
Rimettiti sulla tua strada
Dai voce a questa notte
Porta avanti la tua lotta
Senza fare troppo rumoreA “Ponente” sorgerà il sole,
A “Scirocco” tramonterà .
L’acqua andremo a prenderla sulla luna .
Il massaio sarà costretto ad “abdicare”
e la campagna piangerà .
E mentre dalla valle avanzerà il buio,
il cielo porterà per sempre via con sé tutti gli
esseri di terra, cielo e mare.
(ah, che bello questo cielo!)Conta le giornate
Conta le serate
Tieni conto di te stesso
Tieni conto di questo tempo
Suona il tuo tamburo
Rimettiti sulla tua strada
Dai voce a questa notte
Porta avanti la tua lotta
Senza fare troppo rumoreSono padre, non sono padre
Ho figli senza madre
Ma quando faccio da padre,
voglio sapere tutto .
Siamo ricchi senza “sudda”
Andiamo a raccogliere la paglia, senza l’asino .
Abbiamo tutto e non abbiamo niente
Il Signore dona il pane a chi non ha denti.
Spissu vegnu ‘na sta terra, cu l’animu filiciPi nutririmi di st’aria, di gioia e di emuziuni,L’immagini di li pianti, suli tra li muntiS’addurmiscinu cu la notti, gudennusi li so’ tramuntiLu suli si stinnicchia, pitturannu li muntagniLi poja e li maisi, pantani e masticagghi‘Nu mijolu e ‘na carrata, mulignu canta cu ‘na campanaE la notti ca si movi, nun é fatta pi stari fermaSi putissi turnari a nasciri

Vulissi siri crijatu ventu

Pi scappari via lontanu

E turnari ogni tantu

Stidduzza Veniri ca mi cumpari

‘ffruntulina dopo u tramuntu

Giuiennu ‘nta sta terra ca di li Musi è la Musa

Matinati jorna e siri

Tardi uri nottati interi

Vinni ijti e turnati e nun siti mai ‘i stissi

Si putissi turnari a nasciri

Vulissi siri crijatu ventu

Pi scappari via luntanu

E turnari ogni tantu

Recit. Si fussi ventu di tramontana, ‘ncatinassi finu a morti cu crijau guerra, chiantu, fami e duluri

E cu ventu di livanti, girassi, sciugghiennu trizzi e veli c’ammuccianu li facci di li beddi fimmini

Jù e Zeus cu ‘n vastuni ruppignu di mennula amara, sfasciannu, sbissannu e lassannu ventu, preccia corni ‘i voi

Si putissi turnari a nasciri

Vulissi siri crijatu ventu

Pi scappari via luntanu

E turnari ogni tantu

Si putissi turnari a nasciri

Vulissi siri crijatu ventu

Pi scappari via luntanu

E turnari ogni tantu

Si putissi turnari a nasciri

Vulissi siri crijatu ventu

Mentri tuttu dormi

e tuttu si va zittennu

Mentri tuttu dormi

e tuttu si va zittennu

Spesso ritorno nella mia terra con l’animo leggero per nutrirmi della sua aria, di gioia e di emozioniRiscopro quelle piante, solitarie in mezzo ai monti, che si addormentano cullate da splendidi tramonti.Il sole si adagia, arricchendo di cangianti sfumature le montagne,le colline appena arate, le paludi e le enormi distese ricoperte di erba tenera .Là, dove un viottolo di paese sfocia in un sentiero di campagna, il suono del “mulignu” delle vacche si unisce al suono delle campane delle pecorePersino la notte nel suo incessante andare e venire, non è fatta per stare fermaSe potessi nascere un’altra volta,vorrei rinascere ventoper scappare via lontano

e tornare ogni tanto

Stellina Venere che ti presenti

timidamente dopo il tramonto,

sorridendo a questa terra, che è la musa delle muse.

Mattinate, giorni e sere, tarde ore e nottate intere, si rincorrono, si alternano e si congedano per poi ripresentarsi puntualmente in una veste sempre diversa

Se potessi nascere un’altra volta,

vorrei rinascere vento

per scappare via lontano

e tornare ogni tanto

Se fossi vento di tramontana, incatenerei fino alla morte coloro che generano guerra, pianto, fame e dolore.

E come vento di levante soffierei, sciogliendo le trecce e strappando i veli che nascondono i volti delle donne.

Io e Zeus, brandendo un bastone nodoso di mandorle amare, potremmo mettere a soqquadro il mondo intero e lasciare alla gente crudele e disonesta il deserto che merita .

Se potessi nascere un’altra volta,

vorrei rinascere vento

per scappare via lontano

e tornare ogni tanto

Se potessi nascere un’altra volta,

vorrei rinascere vento

Mentre tutto dorme

Ed impera il silenzio

Mentre tutto dorme

Ed impera il silenzio

U nasu

U nasu si ‘mpatrunisciDi li sguardi crijannu piaciriCogghiunu cu rispettu,Ciauri e ricordiCu l’armali ripusava all’ummiraSutta a macchia di carrubaNa custera do scarparuSupra o ciumi do Mandausu.L’acqua tannu era pulita

Comu la nostra civiltà

Li vacchi a mmenzu a l’acqua

Nni lu ciumi di dalija

L’acqua tannu era pulita

Poi ‘no tardu si jsava a voria

Rifriscava l’aria e li tirreni

l’armaluzzi jevunu sbilannu

Ripigghiannu lu so pasciri

O luci picurara

Ca mi jochi tra lu scuru

Duci duci adduma e astuta

Mustrannumi lu camminu

L’acqua tannu era pulita

Comu la nostra civiltà

Li vacchi a mmenzu a l’acqua

Nni lu ciumi di dalija

L’acqua tannu era pulita

Comu la nostra civiltà

Cantavanu cu lu friscu

Pacicusi li griddi

L’acqua tannu era pulita

Comu la nostra civiltà

Puetica priziusa ca mi illumini

La memoria

L’acqua tannu era pulita

Il naso riporta fedelmente alla mente odori e ricordi;immagini vivide che riaffiorano nello sguardo risvegliando sopite emozioni e “corrispondenze”.Ricordo quando con gli animali riposavo all’ombra di un carrubo nella “custera do scarparu”, da dove si poteva vedere il fiume “Mandausu”L’acqua un tempo era limpida e pura,come la nostra civiltà.Le vacche si rinfrescavano nelle acque del fiume “Dalija”.L’acqua un tempo era limpida e puraNel tardo pomeriggio si levava una piacevole brezza dal mare, che rinfrescava l’aria e i terreni.Gli animali, rigenerati anch’essi dalla temperatura più mite, riprendevano l’abituale pascolo.

Oh “luce pecorara” che guidavi il mio passo nella notte, indicandomi sempre la strada più sicura …

L’acqua un tempo era limpida e pura,

come la nostra civiltà.

Le vacche si rinfrescavano nelle acque del fiume “Dalija”

L’acqua un tempo era limpida e pura,

come la nostra civiltà.

Al sopraggiungere del fresco vespertino, i grilli cantavano indisturbati

L’acqua un tempo era limpida e pura,

come la nostra civiltà,

così poetica e preziosa da risvegliare e illuminare la mia memoria.