Ventu e Caristia | Alfio Antico
enter
close

Anima ngignusa

Onyx, 2000

01 Viaggio
02 Occhi di ciumi
03 Frasturnatu
04 Pensa e ripenza
05 Barulè
06 Lettera d'amuri
07 Tarallesa-fava
08 Re Bufè
09 Ventu e caristia
10 Desiderio essere nata
11 Anima 'ngignusa

Ventu e Caristia

Ventu

Ventu, c’ù sapi d’unni t’arricàmpi
Dimmi unni ti riposi

Forsi ni la terra
Spittaculu dati

Ventu quannu t’incazzi fai paura

L’anima quannu canta nun la sbagghia
Movi li manu e lu spiritu parra

Caristia

Li cristiani sunu stràdi stràdi
Comu cadàviri su addivintàti
E cu li guai di sta mala annata
L’erba si mangiàru appena nata

Non c’è chiù orzu e mancu frumentu
Senti pi l’aria sulu lamenti
Ca ci niscìa lu cori e l’arma
Sintènnu diri: “Vint’ùnzi a sarma”
Famìgghi interi pi li stradùna
Vanu murennu a munziddùna

Ah, cielu, cielu chi tempi duri
La manu dàtimi miu Signuri
‘N’annata simili nun’aiu vista mai
Scarsa di tutti e vili di misi

Cu lu suli
Cu lu suli ti mannu a salutari

E stati allegri, genti di la chiazza
Ca ‘n paradisu si ci va in carrozza
‘Nta na carrozza tutta giummi e lazzi
E lu tacchigghiu fa a’ li cannaròzza

Ora ca ficimu l’Italia, l’Italia
Facemu tutti… talìa, talìa!
Lu beddu Regnu finìu a gambi all’aria
L’oru e l’argentu squagghiàru
E nun si sapi

Ah, cielu, cielu, chi tempi duri
La manu datimi miu Signuri
‘N’annata simili nun’aiu vista mai
Scarsa di tuttu e vili di misi

Cu lu suli, cu lu suli
Cu lu suli ti mannu a salutari

Fai beni e scòrdalu!
U focu distruggi ‘i simenzi
Piccàtu si ‘n jornu nun ci sarà
Acqua pi stutàri stu focu
Porcus di ‘n cornu stortu!
Maravigghiùsu natu!
Faidduna ‘nzitati mali rinisciuti!
‘A fami aumenta, aumenta
Ma quantu costa pi fari beni
Quantu costa!

Vento

Vento, chissà da dove ritorni
Dimmi dove ti riposi
Forse nella terra
O forse tra i monti

E con l’onda del mare
Date spettacolo

Vento quando t’incazzi fai paura

L’anima quando canta non si sbaglia
Muove le mani, e lo spirito parla

Carestia

Le persone vagano per le strade
Come cadaveri sono diventate
E con i guai di questa cattiva annata
Hanno mangiato l’erba appena nata

Non c’è più orzo e nemmeno frumento
Senti per l’aria solo lamenti
Ché gli saltava fuori il cuore e l’anima
Solo a sentire il prezzo del frumento
Famiglie intere nelle grandi strade
Stanno morendo a grandi cumuli

Ah, cielo, cielo, che tempi duri
Datemi la mano, mio Signore
Un’annata simile non l’ho vista mai
Scarsa di tutto e vile nei mesi

Con il sole, con il sole
Con il sole ti mando a salutare

E state allegri, gente della piazza
Che in paradiso ci si va in carrozza
In una carrozza con pendagli e nastri
Che fa venire il solletico alla gola

Ora che abbiamo fatto l’Italia, l’Italia
Siamo rimasti a guardare
L’amato Regno è finito a gambe all’aria
Hanno fuso l’oro e l’argento
E nessuno lo sa

Ah, cielo, cielo, che tempi duri
Datemi la mano, mio Signore
Un’annata simile non l’ho vista mai
Scarsa di tutto e vile nei mesi

Con il sole, con il sole
Con il sole ti mando a salutare

Fai il bene e scordatelo!
Il fuoco distrugge le sementi
Peccato se un giorno non ci sarà
Acqua per spegnere questo fuoco
Porcus di un corno storto!
Nato maligno!
Pollòni!
La fame aumenta, aumenta
Ma quanto costa fare il bene
Quanto costa!

Comments are closed.