Tarallesa-fava | Alfio Antico
enter
close

Anima ngignusa

Onyx, 2000

01 Viaggio
02 Occhi di ciumi
03 Frasturnatu
04 Pensa e ripenza
05 Barulè
06 Lettera d'amuri
07 Tarallesa-fava
08 Re Bufè
09 Ventu e caristia
10 Desiderio essere nata
11 Anima 'ngignusa

Tarallesa-fava

… Dunqu’ e ridunqu’
Lassamu ‘a fàuci
E pigghiamu ‘a runca…

… O cummàri Maria Teresa
Non siti scàusi e mancu a peri
O cummàri Maria Micheli
Dìtimi,
A chiavi di la porta unni ‘a appinnisturu?
E ju l’appinnìi ‘n faccia a lu muru
Unni la pigghia lu criaturu…

… Facci di chimenta calabrisi…

… Vai di tacco e vai di punta
Tutti i diavuli vanno in punta…

Lu viddànu chi chianta la fava
Quannu la chianta, la chianta accussì
Chianta tanticchia, poi s’arriposa
Poi si rimette li manu accussì

Lu viddanu chi scippa la fava
Quannu la scippa, la scippa accussì
Scippa tanticchia, poi s’arriposa
Poi si rimette li manu accussì

E la chianta accussì
E la scippa accussì
Poi si rimette li manu accussì

La viddana spicchia la fava
Quannu la spicchia, la spicchia accussì
Spicchia tanticchia, poi s’arriposa
Poi si rimette li manu accussì

E la chianta accussì
E la scippa accussì
E la spicchia accussì
Poi si rimette li manu accussì

Lu viddanu chi coci la fava
Quannu la coci, la coci accussì
Coci tanticchia, poi s’arriposa
Poi si rimette li manu accussì

E la chianta accussì
E la scippa accussì
E la spicchia accussì
E la coci accussì
Poi si rimette li manu accussì

Lu viddanu che mangia la fava
Quannu la mangia, la mangia accussì
Mangia tanticchia, poi s’arriposa
Poi si rimette li manu accussì

E la chianta accussì
E la scippa accussì
E la spicchia accussì
E la coci accussì
E la mangia accussì
Poi si rimette li manu accussì

La viddana chi fila la lana
Quannu la fila, la fila accussì
Fila tanticchia, poi s’arriposa
Poi si rimette li manu accussì…

… Dunque e ridunque…
Lasciamo la falce
e pigliamo la roncola…

… O comare Maria Teresa
Non siete scalza e neanche a piedi
O comare Maria Michele
Ditemi,
La chiave della porta dove l’avete appesa?
E io l’ho appesa di fronte al muro
Dove la prende anche un bambino…

… Faccia da giumenta calabrese…

… Vai di tacco e vai di punta
Tutti i diavoli vanno in punta…

Il villano che pianta la fava
quando la pianta, la pianta così
Pianta un pochino, poi si riposa
Poi si rimette le mani così

Il villano che coglie la fava
quando la coglie, la coglie così
Coglie un pochino, poi si riposa
Poi si rimette le mani così

E la pianta così
E la coglie così
Poi si rimette le mani così

La villana che sbuccia la fava
quando la sbuccia, la sbuccia così
Sbuccia un pochino, poi si riposa
Poi si rimette le mani così

E la pianta così
E la coglie così
E la sbuccia così
Poi si rimette le mani così

Il villano che cuoce la fava
quando la cuoce, la cuoce così
Cuoce un pochino, poi si riposa
Poi si rimette le mani così

E la pianta così
E la coglie così
E la sbuccia così
E la cuoce così
Poi si rimette le mani così

Il villano che mangia la fava
quando la mangia, la mangia così
Mangia un pochino, poi si riposa
Poi si rimette le mani così

E la pianta così
E la coglie così
E la sbuccia così
E la cuoce così
E la mangia così
Poi si rimette le mani così

La villana che fila la lana
Quando la fila, la fila così
Fila un pochino, poi si riposa
Poi si rimette le mani così…

Comments are closed.