Amuri anticu | Alfio Antico
enter
close

Viaggio in Sicilia

01 Jurnata
02 Anima ' Ngignusa
03 Kaytagi
04 Stritti Stratuzzi
05 La Me Badia
06 Levante
07 Fajr Jdid
08 Amuri Anticu
09 Cumpari Ninu
10 Pitti Petti
11 Fila Fila
12 Allegru Diu
13 Barulè
14 Viru a Me Stissu (remix)

Amuri anticu

La strada lonca porta ricchi ricordi
la fine di la vita è sempri lu principii
Nun ti capita mai di disidirari cu nun c’è?
Chianciri e scurdarisi cu si nni va
Oh! ninfa ginirusa gingili mia

Stu tirrenu spissu esti lu me lettu
mi fazzu lu cuscinu cu pietri e fraschi
stidduzzi di lu cèlu datimi luci
ju cercu l’amata mia e nun la trovu

Quannu pisanti mi sentu la testa
ca paci nun trovu, né sirinità
tagghiami di vina a vina
amuri ca tra lu scuru si viri na luci
‘ncampagna camminu cu li me pinseri
parlu che venti ‘nsilenziu d’Amur

Vurria patiti li vaj di lu lini
scippatu tuttu e stisu chianu chianu
mintutu a moddu e mazziatu finu
a nzina ca nun’nna ristassi ‘nfilu sanu
poi addivintassi di tila e mussulinu
fazzulettu ppi li to mani e visu

La strada lunga porta vecchi ricordi
la fine della vita è sempre il principio
non ti capita mai di desiderare chi non c’è?
piangere e dimenticare chi se ne va
Oh! Ninfa generosa gentile mia

questo terreno spesso è il mio letto
mi faccio il cuscino con pietre e frasche
stelle del cielo datemi luce
io cerco l’amata mia e non la trovo

Quando pesante mi sento la testa
che pace non trovo nè serenità
tagliami da vena a vena
amore che nell’oscurità si vede una luce
in campagna cammino coi miei pensieri
parlo coi venti in silenzio d’amore

Vorrei patire i guai del lino
strappato tutto e steso piano piano
messo a mollo e mazziato fino
fino a che non ne rimane un filo sano
poi diventare di tela e mussolino
fazzoletto per le tue mani e viso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *