Ma guarda guarda | Alfio Antico
enter
close

Ma guarda guarda

Ma guarda guarda
quantu sù scunchiuruti i genti
dico io: u lèsu co sbammanicu
nun’nnanu nenti chi spattiri
comu u scemu co bestia e u pazzu
nun sunu i stissi ‘nta li ciriveddi
Giustu? Giustu!

Dico io: si vidi a unu ca soffri
cunottùlu giujiscilu cu rispettu
dumanna a li radici di chi cosa
è fattu stu malessiri?
Si nun sì capaci, ammazzatti
sutterriti sutta terra
senza danneggiare terrenu
Giustu? Giustu!

Sucativi n’ovu cu ‘nzucu i lumia
aggrappativi nna utti e sazziativi di vinu
ca priati viniti a primu matinu
balla tu ca ballu ju
ballamu a tu pi tu

Comu po’ ballari chiddu senza gambi?
Comu po’ mangiari chiddu senza braccia?
Chiddu senza gambi sta a cavaddu
do cumagnu senza braccia
ridunu li nonni e carusiddi
ballunu l’addevi e i picciriddi
balla tu ca ballu ju
ballamu a tu pi tu

Ma guarda guarda
quanto è sconclusionata la gente
dico io: il leso con il bislacco
non ha niente da spartire
come lo scemo con la bestia e il pazzo
non sono uguali nei loro cervelli
Giusto? Giusto!

Dico io: se vedi uno che soffre
consolalo, fallo gioire con rispetto
chiedi alle radici di che cosa
è fatto questo malessere?
Se non sei capace, ammazzati
sotterrati sotto terra
senza danneggiare il terreno
Giusto? Giusto!

Succhiatevi un uovo col succo di limone
aggrappatevi alla botte e saziatevi di vino
che premiati verrete a primo mattino
Balla tu che ballo io
balliamo a tu per tu

Come può ballare quello senza gambe?
Come può mangiare quello senza braccia?
Quello senza gambe sta a cavallo
del compagno senza braccia
Ridono i nonni e i ragazzini
ballano i piccoli e i bambini
balla tu che ballo io
balliamo a tu per tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *