Amuri anticu | Alfio Antico
enter
close

Amuri anticu

La strada lonca porta ricchi ricordi
la fine di la vita è sempri lu principii
Nun ti capita mai di disidirari cu nun c’è?
Chianciri e scurdarisi cu si nni va
Oh! ninfa ginirusa gingili mia

Stu tirrenu spissu esti lu me lettu
mi fazzu lu cuscinu cu pietri e fraschi
stidduzzi di lu cèlu datimi luci
ju cercu l’amata mia e nun la trovu

Quannu pisanti mi sentu la testa
ca paci nun trovu, né sirinità
tagghiami di vina a vina
amuri ca tra lu scuru si viri na luci
‘ncampagna camminu cu li me pinseri
parlu che venti ‘nsilenziu d’Amur

Vurria patiti li vaj di lu lini
scippatu tuttu e stisu chianu chianu
mintutu a moddu e mazziatu finu
a nzina ca nun’nna ristassi ‘nfilu sanu
poi addivintassi di tila e mussulinu
fazzulettu ppi li to mani e visu

La strada lunga porta vecchi ricordi
la fine della vita è sempre il principio
non ti capita mai di desiderare chi non c’è?
piangere e dimenticare chi se ne va
Oh! Ninfa generosa gentile mia

questo terreno spesso è il mio letto
mi faccio il cuscino con pietre e frasche
stelle del cielo datemi luce
io cerco l’amata mia e non la trovo

Quando pesante mi sento la testa
che pace non trovo nè serenità
tagliami da vena a vena
amore che nell’oscurità si vede una luce
in campagna cammino coi miei pensieri
parlo coi venti in silenzio d’amore

Vorrei patire i guai del lino
strappato tutto e steso piano piano
messo a mollo e mazziato fino
fino a che non ne rimane un filo sano
poi diventare di tela e mussolino
fazzoletto per le tue mani e viso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *