Si ti virissi | Alfio Antico
enter
close

Si ti virissi

Si ti virissi oggi
passari vecchia matri
caminari nna sti munti
sula tu e china comu na nebbia

Cu lu mantu maggicu e granni
ca cummogghi li dulura
e li granni guai ca stannu nna sta terra
ca stannu nna sta terra

Si ti virissi oggi
bedda chiu’ssai di na riggina
Si ti virissi oggi
morbida comu lana di pecura

Si ti virissi oggi
duci comu meli d’api
limpida comu acqua
comu acqua di rocca

si ti virissi oggi
ppi prima cosa ti chiamassi matri
poi vivissi, vivissi a la tò funtana
e durmissi cu la testa ‘nta la lana
di lù tò cori

Vecchia madre se solo
potessi rivederti oggi
mentre passeggi tra queste montagne,
solitaria e intensa come la nebbia

Chiusa nel tuo manto
grande e misterioso,
col quale avvolgi i dolori
e le grandi sofferenze di questa terra.

Se solo potessi rivederti oggi,
so che mi appariresti
più bella di una regina,
morbida come lana di pecora.

Ti immagino dolce
come miele di api
e limpida come acqua,
come acqua che sgorga dalla roccia.

Se solo potessi rivederti oggi,
per prima cosa ti chiamerei “Madre”
poi berrei, mi disseterei alla fonte del tuo amore
e mi addormenterei adagiando la testa tra la lana
del tuo cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *