Viru a me stissu | Alfio Antico
enter
close

Viru a me stissu

Dici u vecchiu fai bene e scordalu
Dici u ranni fai mali e pensanci
A guerra cosi buoni nun’nni porta
Surrisi finiri fa
la gioia di la creatività
Uccide ammazza e cancella ogni cosa
Comu lu focu ca distruggi li simenzi
E comu si fa ppi stutari stu focu?

Spissu l’omu si nutri di spiranzi
Assuppa assuppa megghiu di na spugna
Lu’ncugna lu scugna lu conza e sconza
Ballannu a porti chiusi a cuntradanza

Jemu avanti: Sì! Ma comu?
Si mancu tra di nui si cci saluta
Stamu arristannu comu l’armi santi
Nudi du menzu u focu e pinitenti

C’è di luntanu cu ni fa la cucca
Ca cogghi tutti cosi e si l’ammucca

Semu a seculu vili e lisciu
Paremu picureddi di camusciu
Lu picuraru ni dici: Vi pisciu
‘ntra ‘na parti di corpu lu cchiù musciu
Nui picureddi ca ci jemu fisciu fisciu
nun facemu né musciu né stramusci

Viru a me stissu e paru casu stranu
Nascìù n’Sicilia e sugnu talianu
Nun sacciu comu nun mi vota la testa

Dice il vecchio fai bene e scordalo
Dice il saggio fai male e pensaci
La guerra cose buone non ne porta
Sorrisi finire fa
la gioia della creatività
Uccide, ammazza e cancella ogni cosa
Come il fuoco che distrugge le sementi
Ma come si fa a spegnere questo fuoco?

Spesso l’uomo si nutre di speranze
Assorbe assorbe più di una spugna
Lu ‘ncugna e scugna, lu conza e sconza
Ballando a porte chiuse la controndanza

Andiamo avanti: Sì! Ma come?
Se neanche tra di noi ci si saluta?
Stiamo rimanendo come le anime sante
Nudi in mezzo al fuoco e penitenti

C’è da lontano chi ci fa la beffa
che raccoglie tutte cose e se ne ingozza

Siamo in un secolo vile e liscio
Sembriamo pecorelle di camoscio
Il pecoraio ci dice: Vi piscio
in quella parte del corpo, la più moscia
Noi pecorelle, che ce ne stiamo moge moge
non facciamo né rumore né fracasso

Vedo me stesso e pare caso strano
Nacqui in Sicilia e sono italiano
Non so come non mi gira la testa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *