Stidduzza veniri | Alfio Antico
enter
close

Stidduzza veniri

Stidduzza veniri

Spissu vegnu ‘na sta terra, cu l’animu filici
Pi nutririmi di st’aria, di gioia e di emuziuni,

L’immagini di li pianti, suli tra li munti
S’addurmiscinu cu la notti, gudennusi li so’ tramunti
Lu suli si stinnicchia, pitturannu li muntagni
Li poja e li maisi, pantani e masticagghi
‘Nu mijolu e ‘na carrata, mulignu canta cu ‘na campana
E la notti ca si movi, nun é fatta pi stari ferma

Si putissi turnari a nasciri
Vulissi siri crijatu ventu
Pi scappari via lontanu
E turnari ogni tantu

Si putissi turnari a nasciri
Vulissi siri crijatu ventu
Pi scappari via lontanu
E turnari ogni tantu

Stidduzza Veniri ca mi cumpari
‘ffruntulina dopo u tramuntu
Giuiennu ‘nta sta terra ca di li Musi è la Musa
Matinati jorna e siri
Tardi uri nottati interi
Vinni ijti e turnati e nun siti mai ‘i stissi

Si putissi turnari a nasciri
Vulissi siri crijatu ventu
Pi scappari via luntanu
E turnari ogni tantu

Si putissi turnari a nasciri
Vulissi siri crijatu ventu
Pi scappari via luntanu
E turnari ogni tantu

Recit. Si fussi ventu di tramontana, ‘ncatinassi finu a morti cu crijau guerra, chiantu, fami e duluri
E cu ventu di livanti, girassi, sciugghiennu trizzi e veli c’ammuccianu li facci di li beddi fimmini
Jù e Zeus cu ‘n vastuni ruppignu di mennula amara, sfasciannu, sbissannu e lassannu ventu, preccia corni ‘i voi
Si putissi turnari a nasciri
Vulissi siri crijatu ventu
Pi scappari via luntanu
E turnari ogni tantu

Si putissi turnari a nasciri
Vulissi siri crijatu ventu
Pi scappari via luntanu
E turnari ogni tantu

Si putissi turnari a nasciri
Vulissi siri crijatu ventu
Mentri tuttu dormi
e tuttu si va zittennu

Mentri tuttu dormi
e tuttu si va zittennu

Stidduzza veniri

Spesso ritorno nella mia terra con l’animo leggero per nutrirmi della sua aria, di gioia e di innumerevoli emozioni.

Riscopro quelle piante, solitarie in mezzo ai monti, che si addormentano cullate da splendidi tramonti.
Il sole si adagia, arricchendo di cangianti sfumature le montagne,
le colline appena arate, le paludi e le enormi distese ricoperte di erba tenera1.

Là, dove un viottolo di paese sfocia in un sentiero di campagna, il suono del “mulignu” delle vacche si unisce al suono delle campane delle pecore.

Persino la notte nel suo incessante andare e venire, non è fatta per stare ferma.

Se potessi nascere un’altra volta,
vorrei rinascere vento
per scappare via lontano
e tornare ogni tanto

Se potessi nascere un’altra volta,
vorrei rinascere vento
per scappare via lontano
e tornare ogni tanto

Stellina Venere che ti presenti
timidamente dopo il tramonto,
sorridendo a questa terra, che è la musa delle muse.
Mattinate, giorni e sere, tarde ore e nottate intere, si rincorrono, si alternano e si congedano per poi ripresentarsi puntualmente in una veste sempre diversa.

Se potessi nascere un’altra volta,
vorrei rinascere vento
per scappare via lontano
e tornare ogni tanto

Se potessi nascere un’altra volta,
vorrei rinascere vento
per scappare via lontano
e tornare ogni tanto

Se fossi vento di tramontana, incatenerei fino alla morte coloro che generano guerra, pianto, fame e dolore.
E come vento di levante soffierei, sciogliendo le trecce e strappando i veli che nascondono i volti delle donne.
Io e Zeus, brandendo un bastone nodoso di mandorle amare, potremmo mettere a soqquadro il mondo intero e lasciare alla gente crudele e disonesta soltanto vento, pietre e resti di animali ossia il deserto che merita.

Se potessi nascere un’altra volta,
vorrei rinascere vento
per scappare via lontano
e tornare ogni tanto

Se potessi nascere un’altra volta,
vorrei rinascere vento
per scappare via lontano
e tornare ogni tanto

Se potessi nascere un’altra volta,
vorrei rinascere vento
per scappare via lontano
e tornare ogni tanto

Mentre tutto dorme
Ed impera il silenzio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *