Cunta li jurnati | Alfio Antico
enter
close

Cunta li jurnati

“ho visto il cielo azzuro
partorire pioggia
e il cielo cupo
regalare luce
fuoco ardente
trasformarsi in ghiaccio
e gelida neve donare calore
ho visto cose dolci diventare amare
e altre amare restituir dolcezza
ho visto due nemici fare pace
e due amici dichiararsi guerra
ho visto la forza più grande dell’amore
si, quella forza che mi guarì
colpendomi
e spense con il fuoco
il fuoco di cui bruciavo
la vita che mi diede
fu la mia morte
di quel fuoco ora io brucio
questo amore vorace
spietato insaziabile
mi trascina con se, mi divora brutalmente
senza tregua
come si addice
ad un’ambita preda”

CUNTA LI JURNATI
CUNTA LI SIRATI
CUNTATI TU STISSU
SCRIVILU STU TEMPU
SONA LU TAMBURU
TROVA LA TO VIA
CANTALA STA NOTTI
SENZA FARI SGRUSCIU

A Punenti nasci u suli
A sciroccu tramunta
L’acqua ci la da la luna
Casca lu massaru
Chianci la campagna
Si fa scuru a lu vadduni
Scappa u cielu cu li pisci
(ipi papa chi beddu u cielu!)

CUNTA LI JURNATI
CUNTA LI SIRATI
CUNTATI TU STISSU
SCRIVILU STU TEMPU
SONA LU TAMBURU
TROVA LA TO VIA
CANTALA STA NOTTI
SENZA FARI SGRUSCIU

CUNTA LI JURNATI
CUNTA LI SIRATI
CUNTATI TU STISSU
SCRIVILU STU TEMPU
SONA LU TAMBURU
TROVA LA TO VIA
CANTALA STA NOTTI
SENZA FARI SGRUSCIU

Sugnu patri, nun sugnu patri
Haiu figghi senza matri
Quannu fazzu di patri
Tutti cosi vogghiu sapiri

Semu ricchi senza sudda
Iemu a pagghia senza sceccu
Avemu tttu e nun avemu nenti

U signuri duna u pani a ccu nun ha i denti

Conta le giornate
Conta le serate
Tieni conto di te stesso
Tieni conto di questo tempo
Suona il tuo tamburo
Rimettiti sulla tua strada
Dai voce a questa notte
Porta avanti la tua lotta
Senza lamentarti

A “Ponente” sorgerà il sole,
A “Scirocco” tramonterà.
L’acqua andremo a prenderla sulla luna.
Il massaio sarà costretto ad “abdicare”
e la campagna piangerà.
E mentre dalla valle avanzerà il buio,
il cielo porterà per sempre via con sé tutti gli esseri di terra, cielo e mare.
(ah, che bello questo cielo!)

Conta le giornate
Conta le serate
Tieni conto di te stesso
Tieni conto di questo tempo
Suona il tuo tamburo
Rimettiti sulla tua strada
Dai voce a questa notte
Porta avanti la tua lotta
Senza lamentarti

Conta le giornate
Conta le serate
Tieni conto di te stesso
Tieni conto di questo tempo
Suona il tuo tamburo
Rimettiti sulla tua strada
Dai voce a questa notte
Porta avanti la tua lotta
Senza lamentarti

Sono padre, non sono padre
Ho figli senza madre
Ma quando faccio da padre,
voglio sapere tutto4.

Siamo ricchi senza “sudda”
Andiamo a raccogliere la paglia, senza l’asino.
Abbiamo tutto e non abbiamo niente

Il Signore dona il pane a chi non ha denti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *