Afrodite | Alfio Antico
enter
close

Afrodite

Mentri la notti chiudu l’occhi
Penzu ‘ddu tempu passatu cu’ tia
Abbrazzati ‘n silenziu comu ala di palumma
Attimi d’amuri funnuti
Attimi d’amuri funnuti

Tuttu haju di tia li to’ occhi e il tuo respiro
Il tuo passo la tua forza la tua fragilità
Le tue mani nudi veri servaggi
Chini di ducizza armunia
Chini di ducizza armunia

Vulissi ittari na vuci
Chiù forti di ‘n tirrimotu
Rapennusi lu munnu
E tuttu l’universu
Poi curriri luntanu
Sulu comu li stiddi
Luntanu ‘nzinu a unni
Si pirdissiru l’occhi nostri
Pi scappari di sta vili
e falsa virità

Cu tia haiu caputu che l’amuri è donu
Senza amuri la vita perdi di culuri e puisia
Bisogna pinsallu libiru, chiaru e sirenu
Ca duna forza a caminari ‘nta sta vita a cori apertu
O dea di l’amuri ca nun canusci tempu

Vulissi ittari na vuci
Chiù forti di ‘n tirrimotu
Rapennusi lu munnu
E tuttu l’universu
Poi curriri luntanu
Sulu comu li stiddi
Luntanu ‘nzinu a unni
Si pirdissiru l’occhi nostri

Vulissi ca la memoria
Cancillassi tutti cosi
Turnari tutti ansemula
Ni ‘ddu tempu passatu
Pirchì no nun c’è scola no
Ca ti po’ insignari chistu

Vulissi ca la memoria
Cancillassi tuttu cosi
Turnari tutti ansemula
Ni ‘ddu tempu passatu
Pirchì no nun c’è scola no
Ca ti po insignari chistu

“St’amuri appartieni o celu
“St’amuri appartieni o celu
E no a sta terra”
“St’amuri appartieni o celu
E no a sta terra”

Quando la notte chiudo gli occhi
ripenso al tempo trascorso con te,
abbracciati in silenzio, stretti come ali di colomba.
Attimi d’amore intensi
Attimi d’amore intensi

Ricordo ancora tutto di te
I tuoi occhi, il tuo respiro, il tuo passo, la tua forza, la tua fragilità.
Le tue mani nude e selvagge
Cariche di dolcezza e armonia
Cariche di dolcezza e armonia

Vorrei levare un grido
Più forte di un terremoto,
che squarci il mondo
e tutto l’universo,
poi correre lontano,
solitario come le stelle,
lontano fino a dove i nostri occhi
si perderebbero,
per sfuggire a questa vile e inaccettabile verità.

Grazie a te ho capito che l’amore è dono.
Senza l’amore la vita perde di colore e poesia.
Solo quando pensi a un amore libero, chiaro e sereno
puoi avere la forza di affrontare questa vita con il cuore aperto.
Oh dea dell’amore che non conosci tempo.

Vorrei levare un grido
Più forte di un terremoto,
che squarci il mondo
e tutto l’universo,
poi correre lontano,
solitario come le stelle,
lontano fino a dove i nostri occhi si perderebbero
per sfuggire a questa vile
e inaccettabile verità.

Vorrei cancellare dalla memoria
questi ultimi anni che ci hanno voluto distanti
e rivivere insieme a te quei giorni felici
Alla fine non c’è scuola
che possa insegnarci l’amore

Vorrei cancellare dalla memoria
questi ultimi anni che ci hanno voluto distanti,
e rivivere insieme a te quei giorni felici
Alla fine non c’è scuola
che possa insegnarci l’amore

Questo amore appartiene al cielo
E non a questa terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *