Minutedda mia | Alfio Antico
enter
close

Minutedda mia

Minutedda mia

Minutedda mia suffrenti silenziusa senza paci
li to labbra nibbiusi ncaddurati cunfusi
hanu sempri masticatu grigi chianti.
Quali gioia ha avutu lu to cori
ncutugnata vastunata comu un cannitu ciaccatu siccagnu
pascisti e maturasti dintra na mangiatura
comu na cisca misa di latu
latti puru di vacca mungiutu e cagghiatu
m’adduvasti

Minutedda mia

Mia gracile madre, sofferente e silenziosa,
le tue labbra nebbiose, indurite dal dolore, talvolta tremanti hanno sempre conosciuto grigi pianti.
Quale gioia ha provato il tuo cuore?
Tu, trascurata e calpestata come una canna di bambù secca e spezzata.
Sei nata e cresciuta dentro una mangiatoia,
trattata alla stregua di un insignificante recipiente, sempre messo da parte.
Proprio tu, latte purissimo, fragrante di vacca, munto e cagliato …
Mi hai nutrito e allevato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *