Tutti li cosi vannu a lu pinninu | Alfio Antico
enter
close

Tutti li cosi vannu a lu pinninu

Tutti li cosi vannu a lu pinninu

Maggica terra mia quantu si cangiata
dimmi comu fai a truvari lu tò versu
finennula di sciarriarini e udijarni tra di nui
tutti anzemula fussi a forza e la scummissa
Bellissimo

Terra nun pirdiri l’amuri e l’allegria
ca jù addattu comu n’agneddu a fora pasciri
vulissi u mari ‘nchiostru e lu celu tuttu carta
pi scriviri quantu odiju e quantu amu sta gran terra

Vai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu
A corda ruppa ruppa
ci và ‘na pena cu nun ci curpa
e tutti li cosi vannu a lu pinninu

Quannu cu tia staju tu nenti a mia mi dici
Mutu silinzijusu mi fai stari a passijàri
Cu passi lenti, calmi, saggi, ritardati
Raggiunannu sull’epuca e sull’anticu

Vai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu
a corda ruppa ruppa
ci và ‘na pena cu nun ci curpa
e tutti li cosi vannu a lu pinninu

Pueta canta e duna vuci a sta terra
purtanniti lu pisu, tinennu lu sò duluri
pueta nun t’arrenniri quannu sì debuli
ca dintra a fatica leggi ‘u tempu dintra l’occhi
dannu luci a la storia di li nostri patri
ccu’ paroli antichi, amari, forti e duci

Vai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu
a corda ruppa ruppa
ci và ’na pena cu nun ci curpa
e tutti li cosi vannu a lu pinninu

Vai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu

Vai pueta vai comu va lu ventu
ca tutti li cosi vannu a lu pinninu

Tutti li cosi vannu a lu pinninu

Magica Terra mia, quanto sei cambiata …
Dimmi, come farai a ritrovare la tua via?
Se già smettessimo di litigare e di odiarci tra di noi, diventeremmo un’unica grande forza
in grado di affrontare qualunque sfida dignitosamente.

Terra mia, non perdere l’amore e la gioia
Con cui mi hai sempre nutrito e allattato
quasi fossi un agnellino fuori dal pascolo.
Vorrei che il mare diventasse inchiostro ed il cielo un enorme foglio di carta
Per potervi scrivere l’amore infinito e l’odio profondo che provo per Te.

“Vai poeta, vai libero come il vento
Ognuno alla fine andrà incontro al proprio destino
È vero, a questo mondo spesso paga chi non ha colpa,
ma prima o poi tutti i nodi vengono al pettine
e chi ha seminato vento, raccoglierà tempesta”.

Quando si sta insieme, capita di non riuscire a comunicare
E allora passeggio in silenzio, con incedere lento, garbato, misurato, di tanto in tanto rallentato,
riflettendo su ciò che siamo stati e su cosa siamo diventati.

“Vai Poeta, vai libero come il vento
Ognuno alla fine andrà incontro al proprio destino
È vero, a questo mondo spesso paga chi non ha colpa,
ma prima o poi tutti i nodi vengono al pettine.
E chi ha seminato vento, raccoglierà tempesta”.

Poeta canta e dai voce a questa terra,
portandone il peso e sostenendone i dolori.
Poeta non arrenderti quando il tuo passo cede
poiché la fatica riserva grandi gioie a chi sa dare tempo al tempo.
Poeta raccontaci ancora una volta la storia dei nostri padri,
con parole amare, dolci e intense, intrise di sapienza e saggezza

“Vai Poeta, vai libero come il vento
Ognuno alla fine andrà incontro al proprio destino
È vero, a questo mondo spesso paga chi non ha colpa,
ma prima o poi tutti i nodi vengono al pettine.
e chi ha seminato vento, raccoglierà tempesta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *