Di cu sugnu | Alfio Antico
enter
close

Di cu sugnu

Di cu sugnu

Ju sugnu di l’acqua quannu chiovi
Di l’erba strazzijata sutta li peri
Sugnu di l’armunia chi lu cori teni
E di lu disideriu chi si canta

Ju sugnu di na cosa nica, antica
Di l’armaluzzi c’ abbuccunu li testi
Sugnu di lu celu quann’ è in festa
E di la gioia di nenti dopu a fatica

Di cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzu

Di cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzu

Sugnu di lu scantu di la notti
Chi tratteni lu ciatu fino o’ matinu
sugnu di li nuvuli mai i stissi
e lu suli e l’aria ni sù filici

Canta ‘n piscaturi ricugghiennu pisci
semu di lu focu c’ addumamu senza ligna
semu tanti petri chini di storii
figghi di sireni e di ciclopi

Di cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzu

Di cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzu

Fussi acqua di surgenti
caminassi cuti cuti
stannu sempri a campu apertu
tra lu celu e tra lu mari
gudennumi li stiddi lassati di lu suli
lu ventu mutu mutu
stuzzicassi l’armunia

Di cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzu

Di cu sugnu
E chi ci fazzu
Chi ci fazzu
‘Nna stu munnu pazzu

Di chi sono

Io appartengo all’acqua, quando piove,
all’erba straziata dai passi della gente,
all’armonia che anima il cuore
e al desiderio che risuona nel canto

Io appartengo a qualcosa di antico e prezioso,
alle docili bestie che chinano la testa in cerca di carezze,
al cielo che si colora di festa,
alla gioia che il riposo dona dopo la fatica

Di chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
in questo mondo pazzo?

Di chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
in questo mondo pazzo?

Io appartengo alla paura della notte,
a chi trattiene il fiato fino all’alba,
al continuo trasformarsi delle nuvole in movimento,
allo sguardo soddisfatto che il sole e l’aria rivolgono al creato.

Canta un pescatore ammonticchiando il pesce appena pescato:
“Noi apparteniamo al fuoco che accendiamo senza legna,
siamo tante pietre ricche di storie,
pronipoti di sirene e di ciclopi”

Di chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
in questo mondo pazzo?

Di chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
in questo mondo pazzo?

Se io fossi acqua di sorgente
Mi infiltrerei tra i ciottoli,
Percorrerei in lungo e in largo la campagna,
arrivando fino a dove il cielo e il mare si fondono
e il sole lascia posto alle stelle,
mentre il vento, zitto zitto, soffiando fra le fronde, da origine a inedite armonie.

Di chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
In questo mondo pazzo?

Di chi sono?
E che cosa ci faccio?
Che ci faccio
In questo mondo pazzo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *