Frasturnatu | Alfio Antico
enter
close

Anima ngignusa

Onyx, 2000

01 Viaggio
02 Occhi di ciumi
03 Frasturnatu
04 Pensa e ripenza
05 Barulè
06 Lettera d'amuri
07 Tarallesa-fava
08 Re Bufè
09 Ventu e caristia
10 Desiderio essere nata
11 Anima 'ngignusa

Frasturnatu

Frasturnatu

Frasturnàtu passìava
Dintra l’anima di lu me’ paisi
Cu ‘n vintacciulèddu friddu ca
Ciusciàva ri Punenti

Nùru comu n’addèvu
Lamintànnusi comu ‘n vulcanu.

Non sacciu si diri Cristu ca
Mi scappa di la cruci
O forsi è nu puèta ca
Chianci la so’ saggizza

Arma ca camìni
Portami luntanu
Unni non ci su’ paroli

Làssimi ciunnijatu

Frastornato

Frastornato passeggiavo
Dentro l’anima del mio paese
Con un venticello freddo che
Soffiava da Ponente

Nudo come un neonato
Lamentandosi come un vulcano

Non so dire se è Cristo che
Mi scappa dala croce
O forse è un poeta che
Piange la sua saggezza

Anima che cammini
Portami lontano
Dove non ci sono parole

Lasciami fiondato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *