Occhi di ciumi | Alfio Antico
enter
close

Anima ngignusa

Onyx, 2000

01 Viaggio
02 Occhi di ciumi
03 Frasturnatu
04 Pensa e ripenza
05 Barulè
06 Lettera d'amuri
07 Tarallesa-fava
08 Re Bufè
09 Ventu e caristia
10 Desiderio essere nata
11 Anima 'ngignusa

Occhi di ciumi

Occhi di ciumi

Muti sunu li me’ schìgghi?
Comu a li ciùma, ucchiùzzi amati

Ucchiùzzi bèddi, sanginùsi
Ucchiùzzi saggi, ‘bbannunàti

Dànnucci gioia a lu’ me scantu
Tirannu petri cu ‘mbastuni
Senza ‘na stidda ‘mmenzu allu scuru
Jennu ‘u ciumi sulu sulu

Quanta ricchizza n’avìti datu!
Acqua di cielu a ciumi e funtani

Anima mia, quantu focu
Porti chiusu ‘nta stu pettu

Càmpi e camìni a ruzzuluni
Sbalangata dormi e riposi

Dànnu curaggiu a la me’ paura,
Lavava i cischi e ‘u culaturi
Dànnucci gioia a lu’ me scantu
Tirava i petri cu ‘mbastuni

Lu ventu joca e lu cannìtu canta

E ju ca ‘ddattu, a li to’ vini
Unni a mangiari m’ansignaru
Li to’ minnuzzi e li capìcchia

Vulissi èssiri battagghiu di mulignu
Pi stari ammenzu a lu sunùri
Di li misi ranni

E cantari marzu e aprìli
Ràpi lu passu e làssili iri

Di petri e chiova vogghiu ca chiova
Ti pregu fallu Pan

Dati lu cumannu
A ‘na mànnara di bistiùli
Ca ‘nta nu gestu, ca ‘nta ‘na schigghia
Tutta sta zimma m’arrifùndi Zèusu.

Occhi di fiume

Sono mute le mie grida?
Come i fiumi, occhiuzzi amati

Occhiuzzi belli, piangenti
Occhiuzzi saggi, abbandonati

Dando gioia al mio spavento
Tirando pietre con un bastone
Senza una stella in mezzo al buio
Andando al fiume solo solo

Quanta ricchezza ci avete dato!
Acqua di cielo a fiumi e fontane

Anima mia, quanto fuoco
Porti chiuso in questo petto

Vivi e cammini ruzzolando
Spalancata dormi e riposi

Dando coraggio alla mia paura
Lavavo i secchi e il colatore.
Dando gioia al mio spavento
Tiravo le pietre con un bastone

Il vento gioca e il canneto canta

E io allatto, alle tue vene
dove a mangiare ho imparato
Dai tuoi seni e dai capezzoli

Vorrei essere batacchio di campana
Per stare in mezzo alla sonorità
Dei mesi grandi

E cantare marzo e aprile
Apri il recinto e lasciale uscire

Pietre e chiodi voglio che piovano
Ti prego fallo Pan

Date il comando
A una mandria di bestiole
Che in un gesto, in un grido
Tutta questa sporcizia rifondasse Zeus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *