Viaggio | Alfio Antico
enter
close

Anima ngignusa

Onyx, 2000

01 Viaggio
02 Occhi di ciumi
03 Frasturnatu
04 Pensa e ripenza
05 Barulè
06 Lettera d'amuri
07 Tarallesa-fava
08 Re Bufè
09 Ventu e caristia
10 Desiderio essere nata
11 Anima 'ngignusa

Viaggio

Carusìddu girava i muntagni, i tirreni
Spustànnumi di ‘na parti a n’àutra

Facèvumu ‘na vota all’annu
‘a transumanza
Comu tanti forumìculi, tutti in òrdini

E poi, pascennu pècuri, sutta cieli aperti

Cantìava i figghìati
I làttari chiamati ‘primintìii’

Razzàvamu ìagneddi
Chiddi ca s’avunu a scannàri
E chiddi ca s’avunu a ddivàri

A du ‘misi, si stagghiàvunu
Pascennuli luntani di li so’ matri

Ju, jarzuneddu, àju amatu sempri
I cunsigghi di li ranni pasturi

“A quarchi agnidduzza spiritusa
Finìcchia, ca tu ‘a sai,
Metticci ‘na campanedda
E stàcci sempro davanti
Ca ti vènunu dappressu, unu cu l’àutru.
T’arraccumànnu
Nun ‘i pèddiri d’occhiu
Sennò ‘i peddi”.

Èrunu i pècuri futuri
Criscènnuli cu l’educazioni giusta.

Ragazzino giravo le montagne e le terre
Spostandomi da una parte all’altra

Facevamo, una volta l’anno,
la transumanza
Come tante formiche, tutte in ordine

E poi, pascendo pecore, sotto cieli aperti

Conducevo da vicino i nuovi nati
Le pecore da latte, dette “primizie”

Separavamo gli agnelli
quelli che si dovevano scannare
e quelli che si dovevano allevare

A due mesi si svezzavano
Pascolandoli lontano dalle loro madri

Io, giovane garzone, ho amato sempre
I consigli dei pastori grandi

“A qualche agnellina vivace,
Carina, che riconosci,
Metti una campanella al collo
e stai sempre davanti a quella
Così ti verranno dietro, una con l’altra.
Ti raccomando
Non le perdere d’occhio
Se no le perdi”.

Erano le pecore future
Da crescere con l’educazione giusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *